Home / Il Sistema Fiscale in Bulgaria / Bulgaria: Le imposte sui redditi delle persone fisiche

Bulgaria: Le imposte sui redditi delle persone fisiche

Tax calculator and penLa “Income Taxes on Natural Persons Act” (introdotta nel 2007 e revisionata l’anno seguente), prevede, dal 1 gennaio 2008, una flat tax unica del 10%, che ha sostituito le tassazioni variabili precedenti, ed è applicabile a tutti i redditi dei soggetti fisici residenti e sui non residenti producenti reddito su tale territorio.

E’ considerato residente chi:

  • ha un domicilio permanente nel territorio nazionale;
  • è presente sul territorio per più di 183 giorni in un anno;
  • è inviato all’estero per conto di entità residenti;
  • ha i propri interessi vitali nel territorio.

 

Sono considerati redditi di fonte bulgara:

  • i redditi derivanti da attività economica all’interno del territorio nazionale;
  • i redditi provenienti da attività di lavoro o prestazioni di servizi effettuate nel territorio nazionale;
  • i dividendi e le plusvalenze per la liquidazione di quote di partecipazione in società residenti;
  • i redditi provenienti dal trasferimento di ditte individuali residenti;
  • qualsiasi remunerazione per attività svolte nel paese da sportivi, scienziati, artisti o figure pubbliche anche se pagati per mezzo di intermediari;
  • tutti gli altri redditi previsti dalla legge.

Sono esentati da imposta i seguenti redditi:

  • redditi provenienti dalla vendita di appartamenti residenziali e autovetture, che rispettino i requisiti di legge;
  • utili derivanti dalla vendita di titoli;
  • interessi ricevuti da persone fisiche sui depositi in banche commerciali residenti;
  • sussidi per i figli pagati dallo Stato;
  • borse di studio;
  • premi di lotterie  e altri giochi;
  • premi pagati dallo Stato per attività culturali;
  • profitti per la vendita di beni ricevuti in eredità o donazione;
  • vestiti da lavoro o uniformi ceduti gratuitamente dal datore di lavoro ai propri dipendenti;
  • titoli di viaggio per il luogo di lavoro offerti dal datore di lavoro ai propri dipendenti

Dal reddito sono deducibili i contributi previdenziali, gli interessi per i mutui e altre spese specifiche indicate dalla legge.

In genere è prevista  un’aliquota fissa del 10% applicata anche a royalties, interessi e plusvalenze mentre per i dividenti e liquidazione delle quote di possesso in società residenti l‘aliquota è del 5%.

Per le imprese individuali che calcolano il reddito secondo le norme dell’imposta sul reddito delle persone giuridiche l’aliquota è del 15%.

Sono considerati redditi di lavoro dipendente tutti i redditi, incluse le indennità accessorie in contanti o in beni, corrisposti dal datore di lavoro al contribuente durante il mese civile.

La base imponibile dei redditi derivanti da lavoro dipendente e da rapporti ad esso equiparati, viene determinata riducendo il reddito imponibile dalle trattenute per la pensione, per la salute e per le altre assicurazioni che il lavoratore è obbligato a pagare in forza di legge.

Il reddito imponibile è ridotto, altresì, delle rate personali pagate per conto del lavoratore per pensione volontaria, assicu­razione sulla salute e assicurazione di disoccupazione, dei premi pagati durante l’anno per assicurazioni sulla vita, se connessi ad un fondo d’investimento per un importo non eccedente il 10% del red­dito imponibile.

I redditi derivanti da un contratto di lavoro dipendente sono tassati su base mensile e l’imposta totale dovuta viene rideterminata annual­mente sulla base dell’aliquota del 10% prevista.

Le persone fisiche che durante l’anno fiscale hanno ottenuto reddito solo da lavoro dipendente non sono obbligate a presentare la dichia­razione dei redditi.

Gli altri contribuenti presentano la dichiarazione dei redditi entro il 30 aprile dell’anno successivo all’anno fiscale di riferimento con annesso pagamento di quanto dovuto all’erario.

Le dichiarazioni dei redditi vanno presentate al Direttorato delle Tasse territoriale in base al proprio domicilio.

Le persone straniere presentano invece la dichiarazione al Direttorato corrispondente in base all’indirizzo dell’ultima dimora nel Paese.

Le persone fisiche non residenti sono imponibili solo per la parte dei redditi prodotti in Bulgaria.

Lo stipendio non è soggetto a contributi sociali se la persona è in grado di fornire un certificato attestante che è già contribuente in un altro Stato membro dell’EU.

La retribuzione minima mensile si assesta dal 01.01.2013 sui 158 EUR.

Quella media effettivamente percepita è attorno ad 360 EUR al netto delle imposte e contributi previdenziali e assistenziali.

I contributi sociali comprendono:

-           Pensioni statali

-           Malattie, maternità ed infortuni

-           Assicurazioni contro la disoccupazione

-           Sussidi sanitari

-           Pensioni addizionali

About tiras-bg

TIRAS Consulting affianca il cliente nel processo di crescita, nell'individuare soluzioni vantaggiose e nel metterle in pratica. Analisi diversificata delle varie aree di business. Piani concreti ed efficaci rivolti all’apertura di nuovi mercati, al riposizionamento competitivo, alla differenziazione, alla valorizzazione dei punti di forza. Soluzioni in grado di generare concretamente profitti e di assicurare un vantaggio competitivo